Boia via Bonelli
Storie di TorinoStorie e curiosità

L’odio per il boia di Torino ha portato alla nascita del… pancarrè

0

Sapete qual è una delle professioni più odiate della storia? Quella del boia, figura che noi tutti conosciamo e immaginiamo (giustamente) come incappucciata e che si occupava di dare esecuzione alla condanne a morte, sia con ghigliottina che per impiccagione. Quello del boia era un vero e proprio mestiere e anche ben retribuito, questo perché il boia era una persona detestata da tutti e quindi non era proprio la professione più ambita. Ma perché vi sto parlando di questo? Perché oggi vi racconto la nascita di un alimento che oggi è comune ma che all’epoca non esisteva. E la nascita, avvenuta a Torino come conseguenza dei dispetti al boia, è legata alla città di Torino.

Casa del boia Torino

Via Bonelli 2 dove abitava il boia

Il boia e la nascita del pancarrè
Uno dei boia di Torino passati alla storia si chiamava Piero Pantoni. La sua dimora era situata in via Bonelli 2, in pieno centro di Torino e non lontano da Porta Palazzo. Per lui era come vivere da eremita visto che tutti i cittadini lo odiavano, compresi i panettieri che di vendergli il pane non ci pensavano proprio. Un rigetto della figura del boia che costrinse addirittura il duca Amedeo VIII di Savoia a intervenire e costringere i panettieri della città a vendergli il pane. Cosa che in effetti iniziarono a fare ma… glielo porgevano sempre al contrario, cosa che significava avere sdegno per il proprio cliente. Il duca intervenne una seconda volta e questa volta obbligò i panettieri a fare il pane uguale da entrambi i lati affinché non fosse possibile porgerlo al contrario. Così è nato il pancarrè.

Piero Pantoni e le sue 423 esecuzioni
Vi ho già raccontato che uno dei boia più celebri si chiamava Piero Pantoni. Lui è stato l’esecutore di 423 condanne a morte, molte delle quali avvenute con l’aiuto del figlio che, da dentro una botola, aveva il compito di tirare i piedi ai condannati per accelerare la loro morte per impiccagione.

 

 

Il Torinese curioso
Il Torinese curioso gira per la città alla scoperta di ogni angolo, notizia, evento e curiosità. Ogni giorno il suo diario con articoli, foto e video

Undici volti di donne in via Principe Tommaso: qui c’è la “Casa delle Prostitute”

Previous article

Open Day vaccinale per i ragazzi dai 12 ai 19 anni il 14 agosto… con il gelato offerto

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *